Torna indietro


Consumiamo quello che ci offre la nostra Terra
Comprensivo "Verga", Fiumefreddo di Sicilia (CT)

La generazione degli extra large è finita, il periodo in cui si mangiava cibo spazzatura, facendo poi la guerra ai brufoli e rischiando pure di arrivare ad una certa età obesi, carichi di colesterolo e grasso superfluo in gran parte, è superato. Combattere i disordini alimentari è semplice, ma nello stesso tempo complicato, perché richiede tanta buona volontà e costanza. In primo luogo bisogna muoversi, fare palestra, corsa, insomma attività fisica, e associarla alla dieta mediterranea della quale in questi ultimi anni si parla moltissimo. Purtroppo tra noi giovani c’è molta confusione sull’alimentazione, perché adesso c’è una situazione opposta rispetto a quella di qualche anno fa: quasi tutti tendono a mangiare poco e male. Bisogna capire che nella vita è importante l’equilibrio, occorre nutrirsi in modo corretto senza esagerare con i grassi, ma cercando di mangiare alimenti sani come frutta e verdura che ci aiutano a mantenerci in forma. Oggi si parla moltissimo dei disturbi alimentari, nutrire il nostro corpo dovrebbe essere la cosa più facile, invece diventa un problema, proprio perché non si segue un corretto regime alimentare. Quando sentiamo lo stimolo della fame mangiamo quello che capita, rinunciando poi a un pranzo corretto e salutare. Per fortuna questo problema è evidenziato anche nelle scuole, i professori sono i primi a spiegarci l’importanza del cibo sano e gli errori che si fanno spesso con le diete, non sempre ci si rende conto che il nostro corpo è una macchina così perfetta, che è un vero peccato guastarla per la nostra superficialità. Parlare della sicurezza alimentare è un dovere di tutti, perché noi crediamo che tutti i consumatori (compresi noi) abbiano il diritto di mangiare sano. La pubblicità ci illude e ci induce a comprare prodotti che ci attraggono per la forma o per il colore mascherando ciò che contengono realmente. E’ importante consumare prodotti stagionali e locali che espongono le sigle Igp o Dop, perché questi marchi ci danno la sicurezza dei controlli fatti da persone competenti. Quindi consumiamo quello che ci offre la nostra Terra, perché ci dà prodotti sani e buoni.

Ilaria Girgenti, Martina Petralia, Miryam Micalizzi, Elisa Borzì, Miriana Bonaccorsi III B