Torna indietro


Il percorso del cibo
Comprensivo "Verga", Fiumefreddo di Sicilia (CT)

Spesso intorno a noi si parla di educazione alimentare, a scuola le insegnanti ci propongono varie e interessanti attività, ma noi non sempre facciamo caso agli alimenti che troviamo sulla nostra tavola durante i vari pasti della giornata, non ci chiediamo neanche da dove possano provenire questi prodotti e che cosa contengono, e questo riguarda sopratutto la frutta e la verdura. Quando andiamo al supermercato a comprare le arance o i limoni, ad esempio, pochi di noi controllano se provengono dalla Sicilia o addirittura da altre nazioni, in questo modo potremmo ritrovarci a mangiare arance spagnole o limoni cileni quando nel nostro territorio c'è una grande abbondanza di agrumeti. Gli ortaggi e la frutta arrivano a noi attraverso una filiera che può essere lunga o corta. La prima è il percorso più lungo che fa il prodotto, in questo modo c'è bisogno di molti veicoli che lo trasportano dai luoghi di produzione, quindi questo comporta anche un elevato consumo energetico che contribuisce ad aumentare il prezzo finale. La filiera corta invece è un percorso molto più breve, definito anche a chilometro zero. Attraverso la filiera corta sulle nostre tavole arrivano prodotti più sani, senza aggiunta di conservanti, additivi o coloranti, e soprattutto prodotti di stagione, quindi invece di andare al supermercato per comprare frutta e verdura, potremmo andare a comprarla al mercato dove possiamo trovare prodotti coltivati e commercializzati dai contadini del posto. Per tutti questi motivi bisogna stare sempre attenti a ciò che compriamo e soprattutto… a quello che mangiamo!

Giusi Crimi, Irene Torrisi, Valeria Torrisi II B